Blue Flower

BR Simonetta Sommaruga
Eidg.Departement für Umwelt, Verkehr, Energie und
Kommunikation UVEK
Bundeshaus Nord
CH-3003 Bern

Bern, 9 giugno 2022 /GM

Emergenza per la presenza incontrollata di lupi in tutti i Cantoni alpini

Gentile Signora Consigliera Federale,

ultimatamente abbiamo occasione di sentirci soventemente sul tema della gestione dei Grandi Predatori.

È appena iniziata la stagione alpestre e in tutto l’arco alpino - in particolare nei Cantoni Vallese, Grigioni, Uri e Ticino – e si registrano predazioni di pecore e capre in numeri mai visti, mai registrati così tanti lupi in ogni regione. Non solo nelle Valli e in Montagna, ma pure vicino ai Centri urbani: Zurigo, Novazzano, Taverne, senza dimenticare il Giura e il Giura-Vodese in particolare, ove due giorni dopo l’inizio dell’alpeggio il lupo ha attaccato dei bovini. Questo tanto per esemplificare.

Il tema lo conosce molto bene, unitamente ai suoi Collaboratori, ed è inutile star qui a specificare ulteriormente.

Attualmente ha fatto traboccare il vaso le almeno 45 predazioni registrate in questi ultimi giorni sopra il villaggio Walser di Bosco Gurin, nell’alta Val Rovana – Ticino.

Quali co-presidenti dell’Associazione Svizzera per un la protezione del Territorio dai Grandi Predatori ci appelliamo alla sua sensibilità e competenza affinché siano prese ulteriori misure urgenti per arginare il libero dilagare dei lupi in Svizzera. La soglia del tollerabile è oramai superata. Gli allevatori e alpeggianti sono esasperati e minacciano di farsi giustizia da loro stessi.

Vogliamo essere brevi e concisi e la invitiamo, unitamente al Consiglio federale, di valutare attentamente l’attuale situazione di emergenza, degna di pensare a un decreto federale urgente.

In particolare, la invitiamo:

  • accogliere, con applicazione immediata, la richiesta del Canton Vallese di autorizzare un prelievo straordinario di lupi per i prossimi sei mesi;
  • voler autorizzare che, accanto ai Guardacaccia, sia autorizzata la collaborazione attiva dei cacciatori patentati nel prelievo dei lupi cacciabili e da prelevare urgentemente per contenere il numero. Il modello è già rodato con il “Modello di Uri” o la caccia selettiva degli ungulati e cinghiali;
  • voler agire con fermezza e determinazione nei confronti della Segreteria della Convenzione di Berna a Strasburgo, in modo che evadano la richiesta presentata dalla nostra Confederazione nell’agosto 2018 e di procedere senza indugi a diminuire il grado di protezione dei lupi da “assoluto (Annesso II)” a “protetto (annesso III)”. In questo senso ci permettiamo di auspicare la presa di contatto e una sua visita a Strasburgo presso l’Ente di gestione della Convenzione di Berna. Noi siamo a disposizione per accompagnarla.

Stimata Consigliera Federale la ringraziamo dell’attenzione, attendiamo una sua sollecita risposta e che ordini delle misure immediate.

Germano Mattei e Georges Schnydrig, Co-Presidenti Associazione Svizzera per la protezione del territorio dai Grandi Predatori

Visite agli articoli
570848