Stampa
Visite: 2156

Luglio 2016 - Completiamo la Newsletter no1 della nostra società cappello con alcune informazioni importanti dall'interno e dall'estero.

In Vallese la situazione attuale è drammatica e dimostra dove può condurre una politica sbagliata relativa ai grandi predatori. Illustriamo con un appello che abbiamo ricevuto dal Vallese da Daniel Steiner:

«Nella notte sul venerdì [3.6.2016] un lupo è penetrato in un pascolo primaverile sopra la località di Unterbäch, protetto secondo le regole prescritte, e uccide o squarcia otto giovani capre. In tutto pascolavano 32 capre della razza «Schwarzhals». Il guardiacaccia responsabile Thomas Imboden ha confermato che le ferite riscontrate presso le capre sono caratteristiche di un lupo. Il pascolo era cintato secondo le prescrizioni della protezione delle greggi con un Flexinet alto 1,10 metri allacciato alla corrente di 6000 Volt. Con quest'ultimo attacco del lupo i capi di pecore e capre colpiti nella regione tra Törbel e Ergisch sale a 48.

Anche nel canton Uri il lupo fa di nuovo parlare di sé. In aprile per esempio viene fotografato in zona abitata nei dintorni di Seelisberg. Il 23 maggio nell'Isental uccide otto pecore e il 27 giugno altre otto in zona Guggital, presso Erstfeld.

Da questa primavera anche gli orsi sono di nuovo in circolazione.

Ne sono state osservate, per esempio, le seguenti tracce: - in principio di aprile nell'Engadina bassa, alcuni giorni più tardi un orso è stato travolto e ucciso sotto un treno della Ferrovia retica; - alla fine di aprile si trovano tracce di orso in Volposchiavo; - in principio di maggio in zona Übernolla, presso Thusis; - a metà di giugno nel canton Uri, in zona Guggital, presso Bürgeln. Tutte queste tracce non lasciano intuire nulla di buono ed è solo una questione di tempo finché succede qualcosa.

Anche nei paesi confinanti i problemi con i grandi predatori sono in aumento. Peter Brandt dell'«Interessensgemeinschaft sichere Weide-wirtscahft» ci fa pervenire la seguente notizia:

«Secondo l'informazione della nostra veterinaria, consulente e membro signora M. (impiegata come veterinaria al macello di Salisburgo) poco tempo fa nella zona di Kobenauserwald (tra Salisburgo e Braunau) è stato fermato un camioncino proveniente dalla Repubblica ceca con a bordo cinque lupi tramortiti, e quindi subito confiscati. Ci si domanda dove erano diretti e a che scopo? Firmato: … Landesobmann.»

Per salvaguardare le persone coinvolte Peter Brandt ha tralasciato i nomi. Sono però conosciuti e possono essere rivelati a persone di fiducia che lo richiedessero. Questo fatto potrebbe confermare la tesi, che il ritorno del lupo non fu e non è spontaneo. Fatto che si può dedurre anche dalla documentazione redatta nel 2003 da Luigi Boitani, noto e temuto sostenitore della politica di insediamento dei grandi predatori in Europa «Piano d'azione per la conservazione del lupo in Europa», che a pag. 10 (versione francese) recita:  

«Là dove si vuole reinsediare una zona con grandi predatori conviene applicare i seguenti principi: - Prima di tutto sostenere il reinsediamento naturale, - in secondo luogo lavorare sulla crescita delle popolazioni che non sono in grado di sopravvivere, - terza priorità: introdurre animali nelle zone affinché si aggiungano alle popolazioni che non sono in grado di sopravvivere, - e da ultimo effettuare introduzioni in zone nuove.»  

Dalla Francia riceviamo la seguente notizia (fonte: www.franceinfo.fr del 26.5.2015):

Ségolène Royale vuole ridurre la protezione del lupo in Europa. Dal suo ritorno nel parco nazionale del Mercantour nel 1992 il tono nei suoi confronti è cambiato. I lupi si sono insediati in 33 Dipartimenti. L'anno scorso (2015) sembra che la protezione delle greggi abbia raggiunto il suo limite. Nonostante tutte le misure possibili sono state massacrate più di 9000 pecore. Ci si chiede: «abbiamo sottovalutato ciò che sarebbe successo?»

Cordiali saluti e un'estate piacevole a nome dei Comitati delle due associazioni vi augurano: Rico Calcagnini e Hermi Plump